II edizione Festa di Primavera – rinascere oltre le difficoltà La primavera di Progetto Sirio

11136775_368800083323753_4860461195680404989_n

Ricercando l’etimologia del termine primavera, scopriamo che vi sono due parole a comporla: primus, cioè primo e ver, che significa “splendere, illuminare, ardere”.

Primus, cioè inizio. La primavera è un inizio. Un inizio in cui si può rinascere, rifiorire, cambiati, migliorati, cresciuti, consapevoli. La primavera è un inizio solenne nel quale ciascuno di noi può ritornare a risplendere, rinnovato nell’essere e con una riscoperta energia e voglia di fare, essere e vivere, così come la natura rivive dopo il torpore invernale.

 

Per questo non ci poteva essere periodo migliore per “Progetto Sirio Aps – Per il benessere psicologico” per proseguire le sue attività anche dopo la fine del finanziamento della Regione Puglia, a valere sul bando Principi Attivi 2012, Giovani Idee per una Puglia Migliore.

L’Associazione, infatti, sta garantendo continuità al suo servizio più importante: il supporto e sostegno alle persone e famiglie che hanno subito una perdita, che in misura progressivamente maggiore chiedono aiuto. Ciò è reso possibile dall’intensa attività di ascolto e supporto psicologico svolta presso le due sedi di Mola di Bari (Via Lazzati n.19-21) e Bari (Via Principe Amedeo n.25) e grazie, anche, alla preziosa collaborazione instauratasi con i Servizi sociali del Comune di Mola di Bari.

Prosegue anche il lavoro di sensibilizzazione del territorio sul delicato tema della perdita declinata nelle sue diverse accezioni.

D’altronde la primavera come inizio e rinascita è proprio questo: prendersi cura di sé, farsi aiutare in momenti di difficoltà, quali la perdita di un lavoro, di un affetto, l’interruzione di un rapporto coniugale etc. da persone esperte, invitando chi vive questi momenti a rivolgersi a chi lo può supportare.

 

In questo mese di maggio 2015 Progetto Sirio ha messo in cantiere due interessanti attività.

 

La prima è il Laboratorio di creatività “Paradiso Urbano”, in occasione della Primavera della Cultura, programma di eventi organizzato dal Comune di Mola di Bari, dal 10 maggio 2015 al 27 giugno 2015. Il Laboratorio di creatività “Paradiso Urbano” si terrà nei giorni 19, 20 e 26 maggio 2015, a partire dalle ore 16, presso la Casa delle Culture (Palazzo San Domenico, sede dell’ex Municipio), Piazza degli Eroi – Mola di Bari. Si tratta di laboratori rivolti a bambini delle scuole elementari per riflettere sul loro concetto di paradiso, ossia una condizione di benessere, un luogo ideale in cui gli piacerebbe vivere. Laboratori di creatività, ascolto di favole e racconti, percorsi musicali e di gioco saranno le costanti di questi appuntamenti che vedranno coinvolti, nella sessione finale, anche i genitori.

 

La seconda organizzata sempre nell’ambito della Primavera della Cultura del Comune di Mola di Bari, è la edizione numero 2 della “Festa di Primavera – rinascere oltre le difficoltà” organizzata da Progetto Sirio. Dopo il successo dell’edizione dell’anno scorso (http://www.progettosirio.it/la-primavera-di-progetto-sirio/) svoltasi a Bari, si ripropone la kermesse che si terrà il giorno 23 maggio 2015, a partire dalle 9:30, presso il Castello Angioino, Mola di Bari. Progetto Sirio intende festeggiare e onorare la Primavera anche quest’anno, mantenendone il leitmotiv: l’importanza delle radici nella vita di ciascuno di noi e la rinascita oltre le difficoltà. Quest’anno l’evento, organizzato nella forma del workshop con numerose testimonianze qualificate di esperti e con un topic particolare al mondo della scuola, sarà rivolto sia ad addetti ai lavori, ma anche a genitori e cittadini interessati al tema: “Il paradiso a misura di bambino – Come spiegare ai i nostri piccoli i momenti difficili che vivono i loro genitori”. Sono previsti interventi dal pubblico ed interazioni con chiunque voglia approfondire questioni trattate nel corso della giornata. Non mancate a questi appuntamenti, seguite i resoconti anche sulla pagina Fb, Progetto Sirio Aps e continuate a sostenere Progetto Sirio diffondendone la conoscenza al territorio.

Lascia un commento