Grazie!

Vogliamo rinnovare il nostro grazie 

A tutti coloro che hanno partecipato, a tutti coloro che in diverse forme hanno collaborato e a tutti i nostri sostenitori e sponsor della serata della prima Festa di Primavera di Progetto Sirio:

.

-

Alcuni di loro ci hanno voluto lasciare un loro pensiero che con piacere condividiamo:

“Abbiamo avuto modo di conoscere la realtà di Progetto Sirio e siamo subito rimasti colpiti dalla lodevole mission di stare accanto a chi vive momenti drammatici di sofferenza. La nostra azienda è stata, da sempre, attenta a cogliere le istanze di qualità che provengono dal sociale del nostro territorio ed il richiamo degli eventi benefici. Per tutti questi motivi abbiamo deciso di unire il nostro marchio all’evento Festa di Primavera e concedere la disponibilità di alcuni membri del nostro staff per uno dei momenti della serata del 27 marzo 2014”.   Domingo Muolo, Masseria Torre Coccaro

-

“Abbiamo sempre più bisogno di realtà come progetto Sirio che si dedicano alla diffusione della cultura ed al sostegno sociale delle nostre comunità. La nostra azienda è sempre vicina alle realtà locali che si impegnano giornalmente al supporto delle persone, che si impegnano per la diffusione della cultura per farla arrivare anche a coloro che da essa sono distanti,Particolarmente importante in questo momento economico difficile per il nostro paese, in cui i casi sociali difficili si moltiplicano giornalmente. Sono degne di nota iniziative come la festa di primavera e la BIELLEBI SRL , azienda produttrice di prodotti tipici locali, quali taralli, frise, friselline con il suo marchio LA Bottega degli antichi sapori è ben lieta di supportarle”.     Giuseppe Bari, Biellebi srl

-

“Appena ho letto del progetto Sirio ho subito ricordato un passo del libro della scrittrice iraniana Azar nafisi (Le cose che non ti ho detto):”Quando muore una persona cara ci ritroviamo di colpo nel mondo dei vivi, cui alla fine, bene o male finiamo col cedere; ma quello dei morti, come un amico o un nemico immaginario, o un’amante segreta, continua a invitarci, con il richiamo di quello che abbiamo perso. Cos’è il ricordo se non uno spettro nascosto in un angolo della mente, pronto a irrompere durante il giorno, o a disturbare il nostro sonno, con un atroce dolore, una gioia, qualcosa che non abbiamo detto o che abbiamo ignorato?  Quando muoiono i nostri cari non è soltanto la loro presenza che ci viene a mancare, o i loro sentimenti, ma anche il modo in cui ci hanno permesso di conoscerli, e di conoscere noi stessi” Capire e realizzare una perdita non è semplice ed è un passo che tutti noi nel corso della vita siamo costretti ad affrontare. Lodo e apprezzo il progetto Sirio per questo abbiamo scelto di sostenerlo”. Sonia Imperatore, Cantine Imperatore

 

Un rinnovato Grazie a tutti e un arrivederci alla prossima iniziativa di Progetto Sirio!

Lascia un commento